Blog


Corso gratuito di Inglese per Cantanti e Musicisti

giovedì 10 novembre, 2016 at 8:51 pm corso-di-inglese-small

Il difficile periodo che tutto il territorio sta vivendo non ferma le attività della Lizard Ascoli e dell’associazione ‘Professionemusica.com’. La volontà di queste due realtà del territorio, infatti, è quella di tornare al più presto nella normalità, continuando ad offrire opportunità importanti ai propri iscritti. E così, nelle prossime settimane, si svolgerà un interessantissimo corso […]

Il difficile periodo che tutto il territorio sta vivendo non ferma le attività della Lizard Ascoli e dell’associazione ‘Professionemusica.com’. La volontà di queste due realtà del territorio, infatti, è quella di tornare al più presto nella normalità, continuando ad offrire opportunità importanti ai propri iscritti. E così, nelle prossime settimane, si svolgerà un interessantissimo corso di lingua inglese per cantanti e musicisti, curato da Emanuele Illuminati. Per iscriversi, o semplicemente per chiedere maggiori informazioni, ci si può rivolgere al numero di telefono 0736/46489 oppure al 328/3046943.

E’ stato proprio il docente a dirci qualcosa in più riguardo a questa importante iniziativa.

Emanuele, quali saranno gli aspetti principali del corso?

“E’ un corso pensato per gli allievi di canto dell’Accademia Lizard e per tutti i soci che cantano in inglese e che vogliono raggiungere una maggiore sicurezza e consapevolezza quando si tratta di cantare in questa lingua, oltre che migliorare la pronuncia. Partiremo perciò dai suoni dell’inglese, attraverso l’alfabeto fonetico internazionale, che in sé è una figata perché è universale e ti permette di imparare qualsiasi lingua. Vedremo quali sono i principali errori di pronuncia che noi italiani commettiamo spessissimo quando cantiamo in inglese e poi andremo sulle canzoni, che saranno scelte anche dagli allievi. Lavorare sui testi ci darà modo di comprenderli a fondo per essere in grado non solo di cantarli correttamente ma anche di esprimere i loro contenuti sul palco ed essere credibili. E poi ci darà anche modo di riconoscere e apprendere moltissimi aspetti grammaticali. Infine ci sarà una panoramica sulle differenze tra l’italiano e l’inglese nel canto, nel ritmo, nei generi musicali, parleremo anche di accenti diversi, di inglese britannico e americano e di differenze culturali”.

Perché è importante, per un cantante o un musicista, conoscere bene la lingua inglese?

“Perché sul palco un cantante deve sapere cosa sta cantando, e se la canzone è in una lingua che non è la sua di sicuro non basta il testo con la traduzione a fianco. Bisogna comprendere bene i testi e le loro parole per poterle esprimere sul palco. Prima di tutto per essere convincenti, credibili. Per evitare ad esempio di cantare un testo dai contenuti tristi con un’espressione felice solo perché la melodia ci ha dato l’idea di una canzone allegra. Oppure di scegliere canzoni belle ma non appropriate per una determinata occasione, tipo un matrimonio. E poi non sono solo i possibili errori che dovrebbero spingerci a imparare la lingua in cui cantiamo. Ogni lingua è un modo diverso di descrivere ed esprimere la realtà che ci circonda e questa per me è una cosa affascinante. Quello che la lingua italiana interpreta ed esprime in un modo la lingua inglese lo fa da altri punti di vista, con altri significati, che spesso in italiano non ci sono, e viceversa. E la canzone è il luogo più bello in cui tutto ciò avviene. È bellissimo imparare l’inglese e qualsiasi altra lingua attraverso le canzoni. È questo che mi ha spinto a studiare lingue. Infine l’inglese, per cantare, è una lingua più ritmica e fluida rispetto all’italiano e spesso è la lingua che scegliamo per cantare generi come rock, blues, soul. È importante conoscerla e pronunciarla bene, soprattutto se poi diventa la lingua che scegliamo noi italiani per scrivere i testi delle nostre canzoni”.

Qual è il tuo rapporto con la musica e con l’Accademia Lizard?

“Per me è una continua entusiasmante scoperta. La musica da scoprire è tantissima e io vorrei ascoltarla tutta. Ma proprio tutta, e poi cantarla, suonarla. Da piccolo mi hanno regalato una chitarra, sapevano che ero mancino ma non sapevano che esistevano le chitarre per mancini! Ovviamente non lo sapevo neanch’io e ho imparato a suonare quella. Ho ritrovato da poco un video in cui a 8 anni canto con in mano i testi che ritagliavo da TV sorrisi e canzoni. Per il resto ogni cosa ha sempre avuto i suoi tempi e per me di solito sono lunghissimi. Ho iniziato a scoprire la bellezza e le emozioni di cantare su un palco a 25 anni, quando stavo finendo l’università. Prima c’erano stati solo la chitarra e i corsi di teatro. Ho iniziato a prendere lezioni di canto moderno con una insegnante alla Lizard nel 2012 e ho continuato nonostante abbia vissuto anche un periodo a Londra. Quello che ho deciso di intraprendere alla Lizard dopo il primo anno di lezioni è un percorso, non più un semplice corso, e gli esami sono un’occasione di mettere in pratica quanto imparato di fronte a un pubblico speciale, quello degli insegnanti. La sensazione che ho sempre avuto a lezione sin dal primo anno era la gioia per quello che stavo facendo, per quello che stavo imparando. Ero contento di essere lì, non vedevo l’ora di cantare e non volevo essere da nessun’altra parte”.

corso-di-inglese-small